La gita della domenica: alla ricerca del cache pot

A testimonianza delle mie scarse doti botaniche, non mi ero mai avventurata prima d’ora nel colorato mondo dei cache-pot che tante soddisfazioni possono riservare ad ogni buona creativa. Questa settimana ho preso coraggio e ho piantato dei semini di piante officinali prese da Ikea soprattutto per il design delle confezioni; se avrò fortuna è qualcosa germoglierà dovrò procurarmi dei giacigli confortevoli e belli!coll

Timidamente mi lancio e vi lancio alcune ispirazioni! Si perché piuttosto che informarmi sul come tenere vive e vegete (è proprio il caso di dire!) le piantine, mi avvicino a mani basse verso ciò che mi è più congeniale: acconciare il cache-pot affinchè sia originale, handmade e ricicloso! Tra i miei preferiti i cache-pot fatti di tessuto un po’ rigido come il denim! Perfetto idea riciclo per un jeans che ha ceduto dopo i bagordi dell’inverno!

Fonte QUI
Fonte QUI

Che dire poi di questo vasetto rivestito con stisce di stoffa? Sono sicura di avere un pochino di questa stessa stoffa a strisce, sempre ikea, che ho usato per questo progetto!

Fonte QUI
Fonte QUI

D’effetto e a costi bassissimi il cache pot  origami che un po’ ricorda le geometrie dell’ananas (nella scorsa gita della domenica)!

Fonte QUI
Fonte QUI

Assolutamente geniali i vasetti ottenuti dalle bottiglie di coca cola; tenerissimi micetti kawaii che sono perfetti per la cucina, magari proprio per le mie piante aromatiche.

Fonte QUI
Fonte QUI

Un po’ furoshiki un po’ origami… questa decorazione  è perfetta se si vuole abbellire una tavola! Ma anche per regalare il frutto del mio giardino (sempre che frutteggi … -_- )

Foto QUI
Foto QUI

Questa galleria non sarebbe completa senza un po’ di crochet, e allora eccone alcuni esempi semplici e belli:

Fonti 1 - 2 - 3 - 4
Fonti 123 4

Tra le idee più originali e allo stesso tempo romantiche che ho trovato in rete c’è questa, certo dovremmo essere pronti a disfarci di un libro, magari uno rovinato… 😉

Fonte QUI
Fonte QUI

Mi piace concludere il tour creativo nel mondo dei cache-pot con l’idea più semplice e sublime, per chi come me è un’ amante appassionata del tè e del mondo che ci gira intorno. Tazzine orfane, teiere sbrecciate, vecchie latte dei vostri tè preferiti ormai vuote… hanno una forza espressiva incredibile se dentro ci mettiamo una piantina, un fiore appena colto, un accenno di foglia ❤

Fonte QUI
Fonte QUI
Fonte QUI
Fonte QUI
Fonte 1 - 2 - 3 - 4
Fonte 12 3 4

Spero vi siate divertiti in questa gita domenicale, e non mi resta che farvi sapere se spunterà qualche germoglio 🙂

11 pensieri riguardo “La gita della domenica: alla ricerca del cache pot

  1. Stupendissimi, ma quelle più belle soprattutto per l’inizio sono le piantine nelle confezione di uova! Scusa la domanda, però quanto le “annaffi” non si bagnano e di conseguenza inzuppano? Son curiosa.

    1. Ciao Noemi! Si si restano umide ma è proprio utile per mantenere il terreno con il giusto grado di umidità. Poi quando saranno germogliate le trasferirò in un altro contenitore… Grazie del tuo commento e chiedi pure tutto quello che vuoi!

  2. Ti ringrazio! Sì, beh, per il futuro trasferimento l’avevo pensato, però la trovo molto utile per quanto riguarda proprio la germinazione, è geniale. 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...