Tessitura-Weaving : una nuova tecnica

Buon giorno a tutti! Negli anni ottanta ero una bambina e avevo giocattoli tradizionali come le Barbie e il Dolce forno. Giocattoli che ho consumato, li amavo, ma che poi si sono persi… passati ad altri bimbi, irrimediabilmente rotti. Ma un c’è un giocattolo che è arrivato praticamente perfetto fino a me. Un bellissimo telaio da tavolo, quasi tutto il legno.

DSC_0787bis

Grazie alle molte ispirazioni che arrivano dalle web-creative, ho deciso di riprenderlo in mano e provare, perché questa tecnica mi è sembrata  semplice e veloce. Ecco uno dei miei primi esperimenti, che ne dite? Certo è semplice, i margini lasciano a desiderare, il disegno geometrico non è molto complesso, ma mi piace molto e spero presto di riuscire a fare progressi con questa nuova tecnica praticamente perfetta per usare avanzi di lane e cotoni, anche di spessori e colori molto diversi.

DSC_0767bis

Qui ad esempio c’è della lana grossa di colore turchese mentre l’ordito e gli altri colori sono di cotone, ma non vedo l’ora di provare anche con la fettuccia e spago! Poi ho trovato un uso perfetto di uno dei tanti legnetti raccolti sulla spiaggia.

Se volete provare anche senza  avere un vero telaio, troverete numerosi tutorial sul come realizzarne uno con cartoncino e altri materiali (guardate pure sulla mia bacheca “weaving” di pinterest)

Siii

Vi state chiedendo cosa nasconde Claudina (da Cloud-nuvola- che giuco di parole! :D)? E’ un segreto! Non posso svelare tutto qui… ma non dovrete aspettare a lungo, sarà la mia prima creazione pasquale)

E allora, vi è venuta voglia di provare? ^-^

Una Muggie per “Un naso rosso per Tommy”

Ciao a tutti amici! Ritornano le Muggies ma questa volta in veste di ambasciatrici di un messaggio che mi sta molto a cuore, anche in virtù della mia funzione di educatrice. Ho avuto la fortuna di conoscere l’autrice Ilaria Rossi e l’illustratrice Francesca Quatraro del libro illustrato per bambini “Un naso rosso per Tommy” un’ incantevole opera che racchiude un messaggio davvero importante : ” Una linea sottile separa il bambino “diverso” dal bambino “particolare”: spetta a noi adulti aiutarlo a superare la paura con semplicità, facendogli scoprire quanto la sua presunta diversità può diventare particolarità preziosa” (cito dalla pagina facebook).

Ho voluto creare questa Muggie dedicata all’autrice, per ringraziarla della sua amicizia, e perchè quando qualcosa mi tocca il cuore non riesco davvero a trattenermi. E allora, molto semplicemente, eccola qui, per testimoniare che è l’unica Muggie col nasone, e le altre Muggies non possono fare altro che adorarla! ❤

zero uno due tre

Quarta gita della domenica… si va a …

Amici cari, finalmente weekend! E stavolta per sorprendervi introduco una nuova tecnica e un nuovo paese. Si va a Tel Aviv, Israele, a conoscere  Hadar Kaplan  una artista del crochet che ho scoperto da un po’ e avevo già segnalato sulla mia pagina facebook (a proposito se volete seguitemi anche qui). Ho pensato adesso di dedicarle uno spazio più ampio perchè trovo che i suoi lavori siano davvero originali e spiritosi. Il suo marchio è Manafka Mina e la trovate sulla sua pagina web su facebook e su etsy. Hadar racconta come è accaduto che, dal lavoro di grafic designer, abbia poi desiderato di allontanarsi dalla “impersonalità dell’epoca digitale”, e abbia afferrato l’uncinetto per dare vita a creazioni che evocassero l’infanzia. Fra i suoi lavori quelli che mi hanno divertita maggiormente sono i falsi trofei di animali impagliati, realizzati con grande cura e molto colorati, eccone alcuni

535770_10151865170872843_1561994978_n
Ecco l’artista con alcune sue creazioni

10405250_10152247496932843_8108451588360540965_n 7902f9aa2757684761ff28a30799a921 11529_10151725434977843_1007668589_n 10425478_10152658443437843_1605196870810040768_n 10342955_10152156415892843_3083146251105729068_n

Che ne dite? Questo stile può non piacere a tutti , ma io adoro le creazioni piene di ironia! Guardate ad esempio la “teste” di Grumpy cat !! Con la scritta “ricamare teste di gatto… lo odio” 😄
10603551_10152660057732843_5105098157560665253_n

Pronti? Partenza…Gita! Quarto appuntamento con la gita della domenica.

Buona domenica a tutti ! Non nego che le gite della domenica sono ormai un momento che aspetto con gioia, spero lo stesso sia per voi. Quest’oggi andiamo decisamente più lontano, a Los Angeles! Oggi vi parlo infatti di Amy Sinibaldi, una creativa nota, anzi direi notissima, come Nana Company. Credo che chi di voi trascorre ore liete su pinterest debba aver visto qualcosa di suo almeno una volta. Si tratta di piccole deliziose creazioni di cucito e ricamo, che hanno uno charme romantico delicato ed infantile, una combinazione che mi trasforma in gelatina! ❤

8dc7f7d217f29df88125cf3f2118d82f 07049ff23ed18ec6cecba25f3b14966b 8851cc7727a988d4ec662e2e26e7bed8b435b2a7c21b851be4e38014fb1a51ac

Amy ha il suo blog qui dove è possibile leggere qualcosa di lei; ho scoperto che è una autodidatta da quando, nel 2006 acquistò per pochi soldi una macchina da cucire, che è continuamente incuriosita da tante tecniche diverse, ed è un tipo di ragazza “see it- do it”, in tutte queste cose mi riconosco, e questo non ha fatto che aumentare la mia simpatia per lei. Amy realizza e vende schemi di cucito e ricamo nel suo negozio etsy, e inoltre potete trovarla su tutti i principali social. A giudicare dalle immagini su flickr Amy è anche una eccezionale fotografa, con una bellissima famiglia, una bella casa e i suoi lavori sono pubblicati su diverse riviste di settore.

Amy Sinibaldi- NanaCompany
Amy Sinibaldi- NanaCompany

4cd5940f76e4193626ba7312e875baf1 fedad7cad7f1b0fd74e9f45b271e0352 fb7f53b5cf904c6aa1722aa4d0296ecb 8c622ddb5172400c8cfe8ea03cacd11c5ae33a81d65501cb618dfca7d086c80d

Come potete immaginare trovo bellissime la tovagliette (mia passione non nascosta) e le tasche multiuso a forma di casetta! Anche i piccoli libricini di stoffa porta aghi da ricamo sono indispensabili.

Voglio salutarvi con questa sua creazione che fa da ponte virtuale con una nostra futura gita della domenica… una che ci porta ancora più lontano… e che non voglio anticiparvi! Però se l’avete capito… provate a indovinare!9dd79ab9a207160e62c2d73d20e5c21e