Il fico d’India amigurumi (free pattern)

Il mio amore per i fichi d’India è proverbiale e, sulla scia delle piantine amigurumi, mi sono cimentata nel progetto di realizzarne uno. Ne è nato un tutorial che ho pensato di condividere qui.

free pattern: amigurumi Opuntia da CraftPatisserie

Il progetto non è difficile ma un po’ laborioso e richiede un po’ di manualità, non tanto per la parte all’uncinetto quanto per il successivo assemblaggio.

Intanto ecco lo schemi per i tre elementi del mio fico d’india; io ho usato un filato 100% acrilico che ho lavorato con un ucinetto n.3½ e per i frutti un filato più sottile di color arancio o rosso, io ho usato un cotone corallo lavorato con un uncinetto n.2.

LEGENDA: mb sta per maglia bassa, m sta per maglia. AVVERTENZA: chiudere ogni giro con una maglia bassissima e una catenella prima di iniziare il giro successivo.

CORPO Prima parte

1 – lav. 6 mb in un magic ring (6)

2– lav. due mb in ogni maglia (12)

3– lav. 1mb nella prima maglia e 2mb nella seconda e rip. fino alla fine (18)

4– lav. 1mb nella prima e nella seconda maglia e 2 mb nella terza e rip. (24)

5– lav. 1 mb nelle prime tre maglie e 2 nella quarta e rip. (30)

6 fino a 16 lavorare 1 mb in ogni maglia

17 – 1 mb in prima e seconda  e una riduzione ripetere fino alla fine (24)

18– 1 mb in ogni m.

19– 1 mb e una riduzione fino alla fine (18); chiudere e lasciare almeno 15 cm di filo

CORPO Seconda parte

1–  lav 6 mb in un magic ring (6)

2– lav 2 mb in ogni maglia (12)

3– 1mb nella prima maglia e 2mb nella seconda e rip. (18)

4 fino a 10 1mb in ogni m.

11– 1mb nella prima e seconda m una riduzione ripetere fino alla fine ( 12)

12– una mb in ogni m (12) ; chiudere e lasciare almeno 15 cm di filo

CORPO Terza parte

1–  lav 6 mb in un magic ring (6)

2– lav due mb in ogni m (12)

3  fino a 6  lav 1 mb in ogni m

7 1 mb e una rid. (9) ; chiudere e lasciare almeno 15 cm di filo

Fruttini

1– lav 6 mb in un magic ring (6)

2 fino a 4 lavorare una mb in ogni m (6)

I fruttini sono particolarmente difficili da fare per questo mi sono limitata a farne tre 😉

ASSEMBLAGGIO

abm_1460832060.jpg
DIY free pattern: amigurumi Opuntia da CraftPatisserie

Per assemblare il nostro fico d’India occorrono i seguenti materiali:

  • ago da lana
  • filo da ricamo verde chiaro
  • un po’ di imbottitura
  • un pezzo di filo di ferro di 30 cm
  • un vasetto di terracotta della misura adatta al nostro lavoro
  • un disco di feltro marrone, spessore 0,3 mm, del diametro interno del vasetto

Per prima cosa occorre modellare il fil di ferro in modo che si adatti ad entrare nella prima parte del corpo della piantina; imbottire con un poco di imbottitura e schiacciare per dare un aspetto piatto alla pala di fico, col filo verdino fare dei semplici ricami a x su una faccia della foglia; usando le estremità del fil di ferro come punteruoli, bucare il disco di feltro e ripiegare il filo eccedente in modo che sia appiattito e saldo sulla faccia nascosta (vedi immagine)

DIY free pattern: amigurumi Opuntia da CraftPatisserie

Imbottire leggermente e ricamare anche le altre due parti  ed infine, usando il filo lasciato a fine lavoro, cucire alla foglia principale le altre due; infine cucire i frutti.

DIY free pattern: amigurumi Opuntia da CraftPatisserie

DIY free pattern: amigurumi Opuntia da CraftPatisserie

Non resta che inserire tutto nel vasetto di terracotta a incastro et voila!

DIY free pattern: amigurumi Opuntia da CraftPatisserie

Sono arrivate le “FILOSOFE CRASSE”, le piantine filosofiche.

crasseCi sono progetti che sguisciano veloci e semplici nelle mani come fossero ricoperti di olio, ed altri che ci pensi e ripensi, prendi decisioni prima di addormentarti o mentre ti svegli, che vai a comprare il materiale e ancora non sai cosa ne farai, e stagnano sui ripiani della cucina e li guardi storto. Ecco le filosofe crasse ricadono nella seconda categoria.

Da che le ho progettate ad oggi saranno passati due mesi, però, sono felice perché grazie a questo progetto ho avuto delle “prime volte”: la prima volta con la “falegnameria” e la prima volta col cemento a presa rapida.

Ma ecco l’anatomia di una filosofa crassa:

  1. una citazione da scrivere sulla parte verticale della mensola
  2. la piantina di feltro  cucita a macchina imbottita
  3. la mensolina in legno rivestita di cemento
  4. il vaso di terracotta rivestito di cemento

Le filoseofe crasse by Craft Patisserie

Dietro ad una piantina filosofa c’è tanto lavoro, dalla ricerca delle frasi e dei fonts, la creazione della mensola e del vasetto e infine la piantina. Però ho imparato a fare queste mensoline che ho già in mente di usare per altre situazioni; ho imparato a usare il cemento… (più o meno) ed ho creato qualcosa di originale e infine, ma non per ultimo, ho messo in cantiere qualche idea per i prossimi regali di Natale.  Adesso sono pronta a intraprendere altri progetti, allietata da queste compagne con cui ricercare il senso della vita.

Filosofe crasse

day1

Per la mia prima piantina ho scelto una citazione di Confucio che parla di casa, finestre e mondi infiniti…Se vuoi vedere gli altri messaggi delle filosofe crasse, vieni a seguirmi sulla mia pagina facebook : da oggi e per una settimana pubblicherò una citazione al giorno fra quelle che più mi ispirano.

Se questo post ti è piaciuto o ti ha incuriosito lasciami un messaggio sarò felice di risponderti ❤

La gita della domenica: cactus galore

Buona domenica e buona umidità a tutti. Con questo tempo solo le piantine grasse sembrano godere di ottima salute è il loro momento! Allora ti piacciono le piante grasse, i cactus e le succulente in genere, allora ti piacerà molto questa mia escursione domenicale nel deserto dove crescono; se poi sei anche una creativa che scalpita per sporcarsi le mani almeno un po’ di colori e colla, o una creativa che non si separa mai da aghi fili e uncinetti, beh allora mantieniti alla sedia perché potresti partire in quarta sotto l’influsso delle ispirazioni che ho scelto per te.

Una selezioni di DIY per lo più, con i link che ti rimandano ai vari siti con le istruzioni da seguire, ma anche semplici ispirazioni che potrai personalizzare e declinare sulla scia del tuo gusto personale; e poi i materiali ci sono tutti!

Io non sapevo su cosa mettere gli occhi prima, è stato difficile ma alla fine ho scelto le ADORABILI piantine grasse in feltro ❤

fonte
DIY fonte

Continuando con i DIY ho trovato davvero deliziosa la federa bianca personalizzata con i timbrini a cactus, nordic style, tenero e poi si sa di cuscini non si è mai paghi!

fonte
DIY fonte

Classico e perfetto inganno per gli occhi, il vaso riempito di terriccio e pietre dipinte; se siete in spiaggia o al lago occhio a raccogliere qualche ciottolo 😉

fonte
DIY fonte

Simpatiche le piantine di carta! Con il cartoncino giusto e impegnandosi un po’ per un taglio pulito, potrete riuscire anche senza spiegazioni a farne alcuni 😉

fonte
fonte

Una mente meticolosa lucida e ingegnosa si è inventata questa incredibile collezione di cactus ottenuti da bottiglie di plastica in tonalità di verde diverse, modellate con pazienza per un effetto da museo ❤ (guarda anche i fiorellini!)

fonte
fonte

Cosa aspettiamo ancora per di organizzare un party a tema cactacee? L’ispirazione per la ghirlanda adatta? Eccola qua! (free printable)

fonte
fonte

Non serve essere troppo precise o esperte per realizzare questo sfizioso cuscino ! Trovi le spiegazioni cliccando su ‘fonte’

DIY fonte
DIY fonte

Eccoli qui. Forse sono i miei preferiti insieme a quelli di feltro… piante grasse di carta pesta dipinta, meravigliosi e di design

fonte
fonte

Non potevano mancare le mignature, delicate, perfette e fiabesche di Joo Joo ❤

fonte
fonte

Credevi che lasciassi fuori il mio amico Crochet? Assolutamente no! Tre deliziose creazioni (probabilmente quella del centro è fatta ai ferri …) che starebbero così bene qui da me!

fonte
fonte

Sempre in tema party, prima abbiamo realizzato il festone e adesso dobbiamo inventarci il modo per giocare con i palloncini! Tutorial nel link.

DIY fonte
DIY fonte

Concludiamo con un dolcetto? Basta un po’ di pasta di zucchero verdina e i cupcakes diventano delle perfette piantine grasse.

fonte
fonte

Ti sono piaciute le mie ispirazioni? Lasciami un commento e raccontami quale ti piacerebbe realizzare… e adesso vado a farmi la terza doccia fredda della giornata.

IL TUTORIALONE: le OVINE a crochet

front

Finalmente posso pubblicare il mio progetto pasquale! L’ho chiamato “tutorialone” perché è composto da diverse parti, ma non è complicato se sapete tenere in mano un uncinetto! Purtroppo come spesso accade idee e creatività posso liberarli solo in orari pomeridiani con una luce che non mi lascia possibilità di fare belle foto, dunque devo rimandare e tutto rallenta… Ecco quindi la mia giustificazione per il ritardo con cui pubblico questo progetto pasquale e a cui tengo molto… me la accogliete? Quindi non perdiamo tempo e passiamo subito a vedere quali materiali occorrono:

MATERIALE OCCORRENTE

– lana grossa (mooolto grossa) in colori pastello

– uncinetto n.7 (o adatto alla dimensione della lana che riuscite a trovare)

– pezzetto di lana cotta color pesca (o rosa)

– ago sottile

– ago da ricamo

– filo nero da ricamo

– 2 perline nere

– colla per tessuto (colla a caldo in alternativa)

– forbici

Bene adesso siamo pronti a realizzare una simpatica OVINA a crochet che può essere un contenitore per tanti regalini minuti come ovetti di cioccolato e bijoux o tutto quello di piccino che vi viene in mente! 😀

1-LO SCHEMA

ALERT– non ho mai fatto né seguito uno schema, è in assoluto la prima volta che mi cimento e potrebbe accadere che per me risulta chiaro e per il resto del creato no… dunque chiedete senza pietà!

SOPRA: lavora quattro catenelle e chiudi/ comincia con una catenella e lavora sette maglie basse nel centro del cerchio di catenelle e chiudi/comincia con una catenella e lavora 10 m.b. (tre aumenti), chiudi/ comincia con una catenella e lavora 13 m.b.(tre aumenti), chiudi/ comincia con una catenella e lavora 17 m.b. (quattro aumenti), chiudi /comincia con una catenella e lavora 19 m.b. (2 aumenti)/ comincia con una catenella e lavora 21 m.b. (2 aumenti) e chiudi! (Trovi i passaggi principali nel collage fotografico sottoN.B. 6 giri in totale otterrai una figura conica.

Collage6

SOTTO: lavora quattro catenelle e chiudi/ comincia con una catenella e lavora sette maglie basse nel centro del cerchio di catenelle e chiudi/comincia con una catenella e lavora 13 m.b. (6 aumenti), chiudi/comincia con una catenella e lavora 15 m.b. lavorando solo sull’esterno del punto* (guarda l’asterisco nell’immagine sotto!) (2 aumenti) e chiudi/ comincia con una catenella e lavora 18 m.b. (3 aumenti), chiudi /comincia con una catenella e lavora 20 m.b. (2 aumenti), chiudi /comincia con una catenella e lavora 18 m.b. (2 riduzioni) e chiudi/ comincia con una catenella e lavora 14 m.b. (4 riduzioni) e chiudi e FINE! (Trovi i passaggi principali nel collage fotografico sottoN.B. 2 giri per la base + 5 giri; otterrai una figura simile a una coppetta rotondeggiante.

Nuova cartella11

Quello che dovreste ottenere è che la parte superiore si possa appoggiare e leggermente sovrapporre a quella inferiore!

13
12

2- LA FACCINA

Bene adesso diamo una personalità alla nostra OVINA! Io ho voluto applicare gli occhietti-perline ma potete anche ricamare gli occhi come più vi piace. La bocca realizzata col cotone nero moulinè è una semplice “V” e le guance sono cerchietti di panno lana.

1

4AA

5

6

3-LA COCCARDA

Se siete a questo punto siete in discesa, il progetto si è concretizzato e manca davvero poco, ma ricordate che i dettagli fanno SEMPRE la differenza e quindi li curiamo. Ho pensato che per rendere festosa la mia OVINA doveva esserci in cima un fiocchino o un fiorellino…una coccarda! Inizialmente ho pensato di riuscire a farla con un nastro, ma poi ho pensato di provare a realizzarla col panno lana…  Ecco cosa fare: realizzate delle stisce da circa 8 mm di spessore; tagliare 5 segmenti di dimensioni crescenti di circa  3 , 5, 7, 8, 9 cm. Ora ripiegate i bordi incollandoli in questo modo:

COCCARDA

I cinque elementi avranno dimensioni di circa 5 cm (il maggiore), di 4,5 cm, 4cm, 3,5 cm e infine un cerchietto finale. Sempre con una goccia di colla per tessuti incollate gli elementi sovrapponendoli come nelle immagini.

Non resta che applicare con due punti la coccarda sulla OVINA!

OVINE2

front2

Non mi resta che augurarvi buona Pasqua e pregarvi di lasciarmi un commento: per me è un bellissimo regalo ❤

picasion.com_b63534799c4061a4875cbf4c970d425d